Lo sport dopo il Codiv-19

Lo sport dopo il Codiv-19: parola agli esperti

Parlare di futuro di questi tempi, sembra impossibile. Si naviga talmente a vista che già pensare alla festività del 25 aprile sembra un’infinità!

Perché? Perché il Coronavirus ci ha rallentato, fermato, confuso, chiusi in casa. Giusto così perché la sua virulenza e pericolosità è tale da renderla l’unica soluzione possibile.

E ci siamo fermati tutti (o quasi) anche il calcio, quello che giocava ogni tre giorni, quello del “calcio spezzatino”; sì, anche il pallone si è fermato.

Il pallone, così come tutto il mondo sportivo italiano e mondiale; perché non di solo calcio si tifa…

Ecco, stare fermi vuol dire anche pensare e riflettere. E’ vero, a volte i pensieri non sono proprio rivolti al bello ma è anche vero che fermarsi spesso vuol dire anche proiettarsi al di fuori di ciò, oltre questo momento (perché finirà prima o poi!).

E infatti sono giorni in cui si pensa al dopo, a cosa e come fare per far ripartire il paese.

In tutto questo c’è lo sport e il discorso più ostico è sul calcio: finire il campionato? Quando? E la Champions?

Domande lecite a cui, da tifosi, vorremmo avere subito una risposta ma è necessario aspettare; nel frattempo però abbiamo guardato oltre e rivolto agli esperti del settore una domanda:

Come sarà lo sport quando si tornerà alla “normalità”?

Ci hanno risposto: Dario Ricci (Radio24), Massimiliano Castellani (Avvenire) e Massimiliano Di Liborio (psicologo dello sport); ecco le loro risposte.

Dario Ricci:

Il concetto di normalità è tutto da declinare perché, almeno nella fase iniziale, sarà uno sport molto diverso da quello che ci aspettiamo e conosciamo. Sicuramente va distinto lo sport professionistico da quello di base: per quest’ultimo c’è necessità di ripartire in totale sicurezza e con una certa sostenibilità economica. Per lo sport professionistico invece aspettiamoci una ripartenza a porte chiuse. Credo che tornare a vedere uno stadio pieno come qualche mese fa, sarà possibile solo in presenza di un vaccino; fino a quel momento saranno ingressi contingentati privilegiando le famiglie e non gli ultrà anche perché credo che a loro non interessi stare a distanza di 2 metri l’uno dall’altro. Credo che sarà uno sport più a misura di famiglia, specie il calcio.

Massimiliano Castellani:

Quando è la domanda principale. Il calcio per esempio, ha tempi che gli altri sport non hanno e che in questo momento vive forte pressioni miscelate a tanta confusione. Alla ripresa immediata sarà quasi impossibile rispettare il distanziamento sociale. Ritengo inoltre una pazzia ricominciare con gli stadi chiusi; ma vale lo stesso per qualsiasi evento, senza pubblico è denigrante. Parlando di altri sport personalmente mi sorprende la scelta del ciclismo di ripartire con il Tour e il Giro ad agosto, mi chiedo: se la situazione non si risolve, si rimanda ancora? Penso ancora al nuoto, allo sci che ha chiuso la stagione assegnando in anticipo i titoli. Un altro aspetto inoltre sarà il sovraffollamento di eventi per il 2021, basta citarne due: l’Europeo di calcio e le Olimpiadi. Ma la vera cosa da mettere in risalto è lo sport di base, le società dilettanti: sono loro che pagheranno il prezzo più alto, ricordiamoci sempre che lo sport non è solo professionistico.

Massimiliano Di Liborio:

Il Codiv-19 sta avendo grandi ripercussioni sul nostro modo di abitare il tempo, su come abitiamo il nostro spazio interno ed esterno e sul nostro modo di vivere le relazioni. L’incertezza su come si evolverà  la situazione, attanaglia, probabilmente tutti. Anche nel “mondo sport” le cose non vanno diversamente; l’incertezza sembra permeare tutta la scena e tutti gli attori di questo mondo. Molto si è parlato e si è scritto sul professionismo, mediaticamente meno sensibilità è stata posta sullo sport giovanile, sulle società “minori” e sull’importanza del loro ruolo; in fondo non esiste solo la serie A, non esistono solo le Olimpiadi. Lo sport e la società devono a tutta questa delicata dimensione formativa, che spesso in ombra e in silenzio, costruisce atleti, persone e si prende cura dei nostri figli, con pochi fondi ma con tanta passione ed impegno. Ci sarà da ricostruire da parte di  tutti noi: Istituzioni, Federazioni, Società Sportive, allenatori, ragazzi e genitori. Attraverso il coraggio, l’impegno ed un sano ottimismo, siamo chiamati a fare due passi avanti dopo averne fatto uno indietro. Dipenderà quasi tutto da noi. Lo sport, in fondo, da sempre, insegna anche questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *