Estra per lo sport

Estra per lo sport: il premio giornalistico sportivo

Alimentare l’educazione e la pratica sportiva è un’assunzione di responsabilità sociale di cui si fa carico anche il giornalismo. Per questo Estra Spa, multiutility a partecipazione pubblica, in collaborazione con Prometeo Estra e l’Unione stampa sportiva italiana (Ussi), promuove il Premio giornalistico Estra per lo Sport: raccontare le buone notizie: un riconoscimento per i giornalisti che mettono in luce lo sport come agenzia educativa.

Il Premio nasce a livello locale nel 2014 prendendo il nome dal progetto Estra Sport Club alias Prometeo Estra Sport Club, che aggrega molte società, per un numero complessivo di 5.487 ragazzi, per la diffusione della pratica sportiva tra i giovani e si è tenuto sempre ad Arezzo coinvolgendo particolarmente quel territorio. Estra ha deciso di dare maggior visibilità all’edizione 2016 del premio, dandole un più ampio respiro nazionale e arricchendola della collaborazione di alcuni nuovi partner.

Il bando di concorso del Premio giornalistico è stato presentato nel Comune di Ancona alla presenza di: Andrea Guidotti, Assessore allo Sport del Comune di Ancona; Moreno Clementi, membro del Consiglio d’Amministrazione di Prometeo; Saura Saccenti, responsabile servizio comunicazione Corporate Estra; Andrea Carloni, presidente Unione stampa sportiva italiana (Ussi) Marche; Fabio Luna, delegato Coni Marche.

Andrea Guidotti, Assessore allo Sport del Comune di Ancona: “Ringrazio Prometeo Estra e Ussi per aver  deciso di sostenere lo sport. Questo premio permetterà di raccontare esempi positivi che sicuramente faranno da traino ad altri che speriamo verranno numerosi. Lo sport oggi sta risentendo ancora della crisi, tutte le iniziative che permettono di  incrementare la pratica sportiva sono importanti”.

Moreno Clementi, membro del Consiglio d’amministrazione di Prometeo: “La presentazione di questo premio ad Ancona arriva in un momento di grandi investimenti nati dall’unione tra Prometeo ed Estra che fin dall’inizio condividono gli stessi valori. L’obiettivo è di stare vicino al territorio e dare attenzione alla persona, lo sport più di tutti è lo strumento essenziale per fare questo, il premio giornalistico ne è testimonianza autentica”.

Saura Saccenti, responsabile servizio comunicazione Corporate Estra: “Il nostro premio nasce dal territorio compreso tra le Marche e la Toscana: il progetto Estra Sport Club che aggrega molte società, per un numero complessivo di 5.487 ragazzi, per la diffusione della pratica sportiva tra i giovani. Estra ha deciso di dare al premio un più ampio respiro nazionale in collaborazione con alcuni nuovi partner. Crediamo che “Estra per lo sport” rappresenti un’opportunità per divulgare tutte quelle buone pratiche sportive collegate anche al sociale che altrimenti non troverebbero spazi”.

Andrea Carloni, presidente Unione stampa sportiva italiana (Ussi): “Noi giornalisti abbiamo aperto gli occhi sulle buone pratiche dello sport troppo tardi; ci siamo concentrati sulla ricerca di personaggi da beatificare che poi fuori dal campo si si sono distinti in modo negativo. Oggi spero che ci sia voglia non solo di raccontare ma di trovare buone notizie. Ci piacerebbe come USSI che i media locali dedichino una pagina al giorno di buone notizie per riconquistare fiducia nel prossimo ormai persa”.

Fabio Luna, delegato Coni Marche: “Appena ho letto le motivazioni del premio di Estra per lo Sport mi sono detto ‘era ora’. Nello sport siamo troppo abituati a rincorrere gli scandali e non dare spazio alle storie  dello sport di base che sa regalare esempi eccellenti e positivi, uno spaccato di vita vera che riflette una parte importante della società moderna”.

In Italia, secondo i dati Istat del 2014, il movimento sportivo dal 2003 è in costante crescita con oltre 4,5 milioni di tesserati afferenti alle Federazioni sportive nazionali e alle discipline associate al Coni (+31,8%) e quasi 65 mila Società (+3,6%). Numeri che pongono sotto i riflettori lo sport per l’attività agonistica ma anche strumento di crescita collettiva a partire dall’incremento del movimento di base. In quest’ottica lo sport assume sempre di più un ruolo di responsabilità sociale, mezzo privilegiato per veicolare un modello di vita comunitaria più aperto ed inclusivo.

All’interno di questo contesto, il premio Estra per lo Sport: raccontare le buone notizie vuole offrire un supporto nell’adempimento dell’attività giornalistica ai professionisti e ai pubblicisti, regolarmente iscritti all’Ordine di categoria. Tutti i giornalisti interessati a partecipare al premio, entro il 27 gennaio 2017, dovranno presentare gli elaborati pubblicati, trasmessi o diffusi tra l’1 gennaio e il 31 dicembre 2016.

Saranno assegnati tre riconoscimenti del valore di 1.500 euro  ai migliori servizi delle categorie “Televisione e radio”, “Carta stampata” e “Web e blog” per i media a valenza nazionale e altrettanti per l e testate territoriali delle regioni Marche e Toscana. Inoltre la giuria potrà attribuire dei Premi Speciali del valore di mille euro e una Menzione d’Onore.

Il premio Estra per lo Sport: raccontare le buone notizie ha il patrocinio della Regione Marche, del Comitato paralimpico italiano (Cip), del comitato regionale Coni Marche,  della Special Olympics Italia, dell’Associazione Stampa Marche, dell’Ordine dei giornalisti delle Marche e della Fondazione Candido Cannavò per lo sport.

Il bando

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *